Libera Associazione Cittadini Acresi

Sito della Libera Associzione Cittadini Acresi

Mese: Febbraio 2015

Acri in rivolta

Vogliamo ringraziare a gran voce tutti i nostri concittadini che si sono uniti ed hanno manifestato pacificamente per le strade della nostra città, fino ad arrivare fin dentro al “palazzo del potere”. Il nostro scopo è stato raggiunto, quello di portare all’attenzione dei nostri amministratori, la  sofferenza che sta vivendo un’intera comunità, e questi, ancora una volta, hanno dimostrato di non tenere al bene della collettività. Il corteo che si è diramato da piazza Sprovieri fin sotto al comune è stato la dimostrazione che la popolazione è stanca di questa supponenza, nonché nella mancanza di trasparenza negli atti pubblici. Abbiamo detto forte e chiaro che la crisi non è stata generata da Noi, perciò non siamo Noi che dobbiamo pagarla, bensì ognuno deve essere investito della responsabilità che gli compete e che le tasse vanno, sì, pagate, ma nella giusta misura ovvero con le riduzioni previste dalla legge nazionale nonché dagli stessi regolamenti comunali. Ci siamo, finalmente, ripresi un pezzo di sovranità, che spetta sempre e comunque al popolo, che deve tenere sotto vigile controllo l’operato del proprio governo.

Il signor Sindaco era fuori sede per impegni istituzionali, ci hanno detto… Era assente pur sapendo che ci saremmo naturalmente presentati in occasione della manifestazione ampiamente pubblicizzata. E’ stato davvero inutile cercare di arrampicarsi sugli specchi, come di consueto, in quanto non è affatto vero che non sapeva del Nostro potenziale arrivo in comune… Lo prova il fatto che invece è stato prontissimo a redigere e far affiggere, il giorno prima della manifestazione stessa, guarda caso, uno dei soliti manifesti privi di ogni logica e sempre a nostre spese, in risposta al Nostro paventato evento! Era, naturalmente, assente anche l’assessore ai tributi Martelli, anch’egli per chissà quali motivi. L’unico che ha avuto il “coraggio” di cercare di “rispondere”, seppur sempre a modo suo, alle nostre richieste è stato il Vice-Sindaco, nonché assessore alla salute e igiene pubblica, il dott. Ferraro. Abbiamo assistito ad una scena patetica, in cui a domande precise sottoposte da Noi del Comitato, nonché dalla stampa locale e regionale, si rispondeva con la solita sufficienza ed il consueto distacco, degni di un politico di lungo corso!

Anche se siamo parzialmente soddisfatti delle risposte riguardo alle bollette dell’acqua, palesemente illegittime,  l’assessore   Ferraro   è   stato   irremovibile sulla concessione dello sgravio dell’80% sulle bollette TARI  e  TARES,  che  come ormai sappiamo tutti, tocca per legge!!! Questo significa non aver capito niente di quello che la gente

aveva da dire! Lo scopo di questa amministrazione rimane, quindi, quello di perseguire a tutti i costi l’incasso della TARES e della TARI 2014, anche se non lo chiede la Corte dei Conti, ma è solo una richiesta dettata dal fatto che la giunta spera di  rientrare  dai  debiti  il  prima  possibile,  per  poter  affermare  di  aver salvato il comune dal dissesto come sta già facendo.

Dobbiamo confutare tre “fatti” che la giunta Tenuta ama ripetere come un mantra: primo, non è vero che è la Corte dei Conti che ha chiesto di aumentare le tariffe della TARI e di tutti gli altri tributi ai livelli attuali, infatti esse sono legate alla legge di stabilità del 2014 (L. 27/12/2013, n. 147), e devono coprire integralmente il costo del servizio. Poiché il consiglio comunale, nella delibera n. 6 del 24/01/2014 ha approvato in maniera provvisoria le tariffe TARI, e con delibera n. 34 del 25/07/2014 ha approvato il regolamento IUC, per un ammontare presunto di € 3.020.000 per la gestione dei R.S.U. (anche su questa cifra ci sarebbe da discutere…), bollette alla mano facendo una stima per difetto l’introito per questa tassa supera ampiamente tale cifra. Vogliamo fare a tal fine una prova: dividiamo 3 milioni per 10.000 nuclei familiari, e ci siamo tenuti bassi, comprese abitazioni, attività commerciali e artigianali, arriviamo una somma di 300€ pro-capite. Qualcuno potrà obiettare che questo modo di ragionare  è approssimativo, noi concordiamo, ma sicuramente rende l’idea della sproporzione tra il bilancio preventivo e quello consuntivo.

Secondo fatto da confutare: non è vero che è il Sindaco Tenuta che ha salvato la città di Acri, semmai sono gli Acresi che la stanno salvando con le loro tasse e soprattutto con i sacrifici individuali per cercare di adempiere.

Terzo fatto: la colpa del dissesto è delle altre amministrazioni. Potrà anche essere vero ma sicuramente non sono stati gli Acresi a creare il debito, almeno la maggior parte. Se il Sindaco è a conoscenza di fatti penalmente e civilmente rilevanti, invece di fare annunci, DENUNCI tutto alla Corte dei Conti ed alla Magistratura, se necessario, che faranno finalmente luce sulle responsabilità.

Le risposte dell’assessore Ferraro lasciano il tempo che trovano, sembrava di assistere ad una farsa in stile drammatico. Questa è stata l’ennesima presa in giro ai danni dei Cittadini! Adesso i nostri amministratori non hanno più alibi: “il re è nudo”.

Dopo aver ribadito le nostre posizioni, rispondiamo che andremo avanti fino in fondo con la nostra battaglia attraverso le sedi giudiziarie, ma non prima di aver

dato un’altra manifestazione del Potere del Popolo che ribadiamo con forza essere sovrano!!!

Firmato: “Libera Associazione Cittadini Acresi”

Ci siamo!!!

Tutto è ormai pronto per la manifestazione cittadina “Acri in rivolta”!!! Commercianti, artigiani, liberi professionisti, pensionati, cittadini, studenti l’appuntamento è per domani Giovedì 19 alle ore 9 in piazza Sprovieri, da dove partiremo in corteo per arrivare fin sotto il Comune a manifestare al Sindaco ed all’amministrazione comunale, tutto il disagio che stiamo vivendo noi “normali cittadini acresi”, non solo per la crisi a livello nazionale ma soprattutto per l’aumento spropositato delle tasse comunali.

Abbiamo organizzato con l’occasione la raccolta delle bollette: quelle dell’acqua, soprattutto quelle che presentano e addebitano, ingiustamente, un consumo minimo di 140 mc di acqua pur non avendolo consumato, e anche quelle della TARI, la tassa dei rifiuti che riguarda il 2014, che nonostante l’evidenza del servizio non svolto in modo regolare ed efficace durante tutto il 2014, l’amministrazione comunale ha aumentato portando le tariffe ai massimi consentiti dalla legge.

Per questi motivi siete tutti invitati ad intervenire numerosissimi ed a portare quindi le copie delle bollette direttamente domani mattina, per iniziare, eventualmente e possibilmente, un’azione collettiva, una vera e propria “Class Action” che porterà per vie giudiziarie a riconoscere un diritto sacrosanto di noi cittadini, ossia, il “giusto” pagamento per quello che si è effettivamente consumato a norma degli stessi regolamenti comunali e per il servizio reso!

Volevamo, infine, ringraziare le opposizioni in consiglio comunale per aver finalmente deciso di chiedere l’indizione di un consiglio comunale aperto, e  di essersi voluti di unire alla protesta, che però, è bene ribadirlo era e resta apolitica. Per tale motivo chiunque voglia unirsi è il ben accetto, ma nessuna effige di partito di partito dovrà essere presente alla manifestazione.

Firmato: Libera Associazione Cittadini Acresi”

E’ carnevale: la burla continua!!!

E’ carnevale: la burla continua!!!

Potrebbe sembrare sicuramente una situazione ridicola e burlesca, considerato il periodo… Ma lo scherzo, come si suole dire, è bello se dura poco… Però uno scherzo non è, e non lo è mai stato: infatti sono ormai mesi, anzi anni, che siamo costantemente presi in giro da una amministrazione comunale inconcludente ed inadatta a gestire realmente la cosa pubblica. Infatti cerca di raggirare, vergognosamente, mediante le giustificazioni più assurde e paradossali, anche in presenza di atti d’ufficio comprovanti situazioni gravi di disservizi generali e di gravità per la salute e l’incolumità sociale anche per ammissioni proprie e dirette. Ingiustamente, purtroppo, si continuano a fare i propri interessi personali e quelli degli “amici di turno”, mentre la popolazione invece rappresenta la vittima più di ogni altra, di una crisi da essa non generata ma dalla quale vogliono farsi pagare le conseguenze, approfittando proprio dei tantissimi problemi che affliggono ogni famiglia: si punta infatti sulla disperazione di ognuno che quindi dovrebbe pagare in silenzio per evitare altri problemi. Anche volendo non è più possibile. Occorre fare una scelta tra: fare la spesa per la famiglia o andare a pagare le bollette, voi cosa scegliereste? Meditate gente, meditate!!!

Basta fare un po’ mente locale e guardare i fatti, perché solo con essi si  può giudicare oggettivamente. Abbiamo assistito ad una squallida “guerra tra bande”, in cui venivano rimpallate le responsabilità dell’attuale situazione finanziaria del Comune di Acri. In diversa misura, ma sono tutte comunque colpevoli di cattiva gestione. Per accumulare un debito di più di venti milioni di Euro ci vogliono decenni per realizzarsi. Se ci fosse un solo briciolo di buonsenso, si dovrebbe provvedere ad addebitare gli oneri ai veri responsabili o per lo meno, in una situazione di profondo malessere come quello attuale, si dovrebbero adottare misure adeguate e cercare di limitare e contenere al massimo le spese che invece continuano ad essere particolarmente esose ed indisciplinate alla faccia dei contribuenti che continuano ad essere spremuti come limoni, anche se da spremere ormai è rimasto poco o niente. Un minimo di conoscenza in materia economica dovrebbe far comprendere che l’economia è una catena e qualora si spezza un anello, si apre tutta e si interrompono i più normali cicli vitali dei Noi “comuni mortali”, il che tradotto significa che in mancanza di lavoro, tutto è obbligato a fermarsi e sopraggiunge l’impossibilità a pagare tributi spesso ingiustamente richiesti. Tutto ciò mentre i politici, egoisticamente, ignorano i concetti fondamentali della democrazia e della tutela dei cittadini che, naturalmente, sono costretti a “difendersi” loro malgrado perché ci ritroviamo dinanzi a vere e proprie vessazioni da parte dell’amministrazione anziché dinanzi a coloro che invece dovrebbero essere i tutori della legalità e dell’equità sociale. In una sola parola: vergona! E’ ora di dire basta, di

unirci tutti e di farci sentire! Mancano solo due giorni alla manifestazione cittadina, aderiamo tutti e facciamoci rispettare perché non devono esistere solo doveri ma anche e soprattutto diritti!

“Non sono i popoli che devono aver paura dei Governi, ma sono i Governi ad aver paura dei Popoli “(Thomas Jefferson).

Firmato: “Libera Associazione Cittadini Acresi”

Siamo all’assurdo

Stiamo leggendo in questi giorni diversi interventi relativi alla documentazione sanitaria inviata dall’ASP di Acri al comune di Acri. La cosa sarebbe da ridere se non ci fosse  di mezzo la salute  e il bene della collettività. Leggiamo che un dirigente medico dell’ASP di Cosenza, il dott. Pierfrancesco Rocca, pagato adeguatamente con le nostre tasse, si è preso la briga di rimarcare la differenza tra una “certificazione” e una “relazione di sopralluogo”. Riteniamo che le considerazioni sugli artifici lessicali le dovremmo lasciare agli avvocati, dal momento che è loro mestiere.

Noi, invece, vogliamo rimarcare l’attenzione sulla situazione di pericolo reale per la popolazione che si è venuta a creare, durante i primi cinque mesi e dal mese di ottobre del 2014. Il fatto che l’ASP ha effettuato più “relazioni di sopralluogo” nelle quali afferma che “la situazione , nell’interesse della salute dei cittadini, comincia a diventare insostenibile…”, ogni cittadino può rendersene conto consultando i documenti ormai di dominio pubblico, vuol dire che la situazione di pericolo igienico sanitario è stata accertata ed opportunamente certificata. Il fatto che ci sia scritto ”Questo Ufficio denuncia”, anziché “certifica”, annulla completamente tutta la situazione di emergenza? Crediamo proprio di no, anzi si cade nel ridicolo più assoluto. Volendo essere un tantino maliziosi,  ci si sta “arrampicando sugli specchi”, chissà poi per quale oscuro motivo.

Vorremmo consultare anche le relazioni redatte dall’ARPACal citate dal dott. Rocca, magari mettendole a disposizione dei cittadini di Acri, per verificare su quali basi si afferma che “non ha rilevato pericolo per la salute pubblica”, forse i cittadini acresi hanno fatto troppo gli schizzinosi verso “un po’” di spazzatura per le strade!

Comunque sia, il Sindaco è Autorità Sanitaria Locale, ai sensi dell’art. 32 della legge n. 833/1978 e dell’art. 117 del D. Lgs. n. 112/1998, per cui l’ordinanza contingibile e urgente n. 3319 del 17/02/2014, certifica ulteriormente l’emergenza.

Non vogliamo continuare oltre con queste sterili e ripetitive polemiche in quanto appare ormai chiaro che l’amministrazione ha abdicato a parte dei suoi doveri nei confronti della popolazione, in primis al dovere di trasparenza ed onestà. Non ci fidiamo più visto che in più di un’occasione si è rivelata lontana dalle esigenze dei cittadini e sorda ai loro bisogni reali.

Per questo vogliamo manifestare tutto il nostro disagio nella giornata di giovedì 19 febbraio 2015, con un corteo variegato che dovrà essere di stimolo a tutti al fine di difendere le proprie idee e soprattutto i propri diritti.

Vogliamo, infine, informare i cittadini che stanno arrivando all’indirizzo dei membri del comitato, i maniera più  o meno diretta, “inviti” a recedere dall’organizzare la manifestazione, che ribadiamo  invece con forza e determinazione, si terrà invece il giorno 19 febbraio prossimo. Tutto ciò è inammissibile, e se ci saranno delle situazioni civilmente e penalmente rilevanti verranno denunciate all’autorità giudiziaria.

Firmato: “Libera Associazione Cittadini Acresi”

Articolo di rettifica ASP

Novità sul fronte TARI.

In seguito all’articolo del pubblicato sul sito acrinrete.info il giorno 05/02/2014, da parte della Libera Associazione Cittadini Acresi, ci corre l’obbligo di effettuare una doverosa rettifica di quanto scritto nel medesimo, riguardo alla mancata attestazione da parte delle autorità sanitarie dello stato di emergenza vissuto dalla popolazione di Acri, in seguito alla presenza sul territorio di cumuli di rifiuti giacenti per strade cittadine.
Risulta, infatti, che non una, non due, ma bensì quattro comunicazioni sono state inviate agli uffici comunali competenti, vedi assessorato all’Igiene ed Ambiente (dott. Salvatore Ferraro), ed al Sindaco dott. Nicola Tenuta, in qualità quest’ultimo di responsabile dell’osservazione delle norme in materia ambientale e di salute pubblica. Le informative dell’ASP di Cosenza, ufficio di Acri, sono state inviate rispettivamente nei mesi di febbraio, marzo, aprile e novembre 2014. In esse si attesta, appunto, la precarietà delle condizioni igienico sanitarie che potrebbero sfociare in problemi per la salute pubblica, ed invita il Sindaco a voler effettuare la bonifica del territorio.
Abbiamo richiesto copia degli suddetti atti, sia agli uffici comunali, sia agli uffici dell’ASP di Cosenza, per le dovute verifiche.
Ci scusiamo, pertanto, con le autorità sanitarie per l’imprecisione nei fatti, ma lo abbiamo fatto in buona fede, avendo dato ancora una volta fiducia al Sindaco, ma sarà anche l’ultima.
Tutto ciò per dovere della verità.

Firmato: “Libera Associazione Cittadini Acresi”

La solita vecchia politica e la disinformazione.

La “Libera Associazione Cittadini Acresi”, costituita da un cospicuo, e sempre crescente, gruppo di rappresentanti per la difesa dei diritti di tutti i cittadini e consumatori acresi, vorrebbe porsi essenzialmente come possibile intermediaria tra tutta la popolazione, ormai allo spasimo, e l’amministrazione comunale e/o verso tutti gli altri enti di diritto amministrativo pubblico.

Si vuole, innanzitutto, precisare e sottolineare che anche se la “protesta” è nata come associazione di commercianti acresi, presieduta dal Sig. Vincenzo Toscano, adesso essa riveste un carattere più generale in cui sono confluite tutte le rappresentanze dei cittadini, nella quale ognuno pari all’altro e tutti hanno diritto a manifestare liberamente il loro pensiero. Attraverso il proprio personale impegno, ognuno può esprimere le proprie rimostranze, che emergono sistematicamente e costantemente a vario titolo in occasione degli incontri in pubbliche assemblee a seguito di giusti ed opportuni approfondimenti normativi in materia di tributi locali e non solo.

La manifestazione, inizialmente prevista per la corrente settimana, a causa delle avverse condizioni meteorologiche, è stata rinviata presumibilmente nei giorni che andranno da 18 al 20 p.v., in base alle previsioni meteo.

Si vuole rammendare che in occasione della prima assemblea, nata come già detto dal malessere avvertito in particolar modo dai commercianti, alla quale ha partecipato attivamente ovvero effettuando un proprio personale intervento in rappresentanza dell’amministrazione comunale il Presidente del Consiglio Comunale sig. Cosimo Fabbricatore, sono emerse a vario titolo molteplici problematiche da cui la necessità di richiedere un consiglio comunale aperto, allo scopo di aprire un tavolo di discussione e possibilmente di chiarimento in merito a molti aspetti normativi. Lo stesso Presidente del Consiglio esortava i presenti a voler evidenziare le problematiche collettive ed, eventualmente, proporre adeguate ed opportune soluzioni, ma come si potrà mai verificare ciò se continua ad esser negato il confronto in un consiglio aperto? Ricordiamo che analoga richiesta, attraverso raccolta firme, venne negata, nel più recente passato, in occasione del recapito delle salatissime ed erosissime bollette T.A.R.E.S. relative all’anno 2013.

E’ opportuno rispondere e ribadire che, fino ad oggi, nessun invito è stato rivolto all’assemblea cittadina da parte del Sindaco e/o chi per Egli, al contrario di quanto, erroneamente ed inverosimilmente, da certa stampa locale. L’autore dell’articolo dovrebbe sottoscrivere una personale errata corrige o per lo meno fornire le fonti che possano asseverare la veridicità di determinate affermazioni, altrimenti risulterebbero infondate, e quanto meno chieder scusa per aver riportato una notizia falsa, tendenziosa e certamente fuorviante per l’opinione pubblica.

Nonostante i documenti programmatici che questa amministrazione ha redatto riguardo la trasparenza e la vicinanza alla comunità, dobbiamo sottolineare e prendere atto che a dar vita alla disinformazione non sono certo i cittadini, i quali ormai non fanno altro che utilizzare i mezzi legali a loro disposizione ovvero i regolamenti, le delibere e le normative anche nazionali, studiando e diventando, fortunatamente, sempre più conoscitori e consci dei propri diritti oltre che dei soli doveri che si vogliono imporre ad ogni costo.

I cittadini acresi al contrario di quanto, ingiustamente, affermato dallo stesso Sindaco, non sono degli evasori, bensì coloro che contribuiscono con i propri sacrifici “veri e tangibili” alla gestione della cosa pubblica che dovrebbe essere quindi a favore, dell’intera collettività e non contro, naturalmente, considerando la gravissima crisi che si ripercuote maggiormente sui sempre più “poveri” comuni mortali, generalizzando, invece, sulla “presunta” protesta, che tale nei fatti non è in quanto si tratta di mera difesa dei propri diritti e non altro! L’unico vero potere egregiamente esercitato rimane quello “coercitivo”. Qualora, invece, il primo cittadino dovesse esser a conoscenza di particolari situazioni penalmente e civilmente rilevanti, tenuto conto anche della sua professione di commercialista, lo invitiamo sin d’ora a voler denunciare il tutto alle autorità competenti provando quanto si asserisce.

Volendo, poi, ribadire il concetto, il Sindaco ha il diritto e l’obbligo di effettuare una riduzione dell’80% sull’importo delle bollette T.A.R.I. (2014), in virtù dell’art.1 c. 656 L. 147/2013 altresì richiamato dall’art. 35 del relativo regolamento comunale per la disciplina dell’imposta unica comunale I.U.C. che, di seguito, riportiamo integralmente: “La TARI è dovuta nella misura massima del 20 per cento della tariffa, in caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonché di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall’autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all’ambiente”. Avendo sollecitato il parere di più di un legale, ma anche semplicemente dando una interpretazione autentica della norma, si evince che l’emergenza sanitaria c’è stata per buona parte del 2013 nonché del 2014 e che l’autorità sanitaria, più volte sollecitata, non ha sancito, la situazione di emergenza reale. Ma quello che più ci preme sottolineare, è che ci sia stato un palese e tangibilissimo mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, che non deve essere necessariamente dichiarato dall’autorità sanitaria. All’uopo, suggeriamo ai nostri amministratori di andar a rivedersi tutti gli articoli, le foto ed i comunicati che la stessa amministrazione ha emesso spontaneamente rivolgendosi all’intera cittadinanza, quindi “autocertificando” lo stato di grave emergenza socio-sanitaria, anche perché il Sindaco rappresenta una pubblica carica equiparabile, se non addirittura superiore alle stesse autorità sanitarie. Vogliano quindi ricordare i nostri amministratori i seguenti fatti:

  • i cani randagi banchettavano tra i rifiuti (povere bestie), spargendo in lungo ed in largo il pattume;
  • che i cumuli di spazzatura invadevano la sede stradale con evidente pericolo per le persone ed i mezzi;
  • che gli effluvi maleodoranti arrivavano in tutte le abitazioni con conseguenti pericoli per la salute sia individuale sia collettiva;
  • che il percolato fuoriusciva dai cumuli di spazzatura finendo nei terreni vicini provocando, inevitabilmente, inquinamento e sporcizia diffusa ai danni delle proprietà private, i cui proprietari hanno dovuto, ingiustamente, a loro spese ripulire e risanare;
  • che i cassonetti spesso venivano dati alle fiamme con la produzione di diossina e altre sostanze tossiche.

Vorremmo sapere quanto sarà l’introito delle bollette TARI con le tariffe attuali, a fronte di una spesa preventivata per il servizio R.S.U. di poco più di 3 milioni di euro per l’anno 2014, e se ci sia stato un errore di previsione, visto che ad una apparente stima in difetto dovrebbero entrare nella casse cittadine non meno di 8 milioni di euro.
Il Sindaco ammette a più riprese, scusandosi con i cittadini, che l’ufficio tributi ha commesso numerosi errori, occorre quindi vedere quanti di questi sono dovuti alla mancanza di professionalità degli impiegati comunali nonché pubblici ufficiali, magari messi in questi uffici senza la necessaria formazione, e quanti di questi dovuti alla stessa giunta comunale, che magari sperando nel “buon cuore” degli acresi sarebbero andati a pagare senza batter ciglio bollette prive di qualsiasi validità formale e sostanziale e con modalità di recapito quantomeno discutibili.

La comunicazione da parte dell’amministrazione su eventuali detrazioni e agevolazioni segue le prime assemblee cittadine riguarda solo i commercianti, omettendo o dimenticandosi di quelle previste per tutti i cittadini, come se un impiegato, un pensionato, oppure semplicemente un disoccupato involontario abbia meno diritti.

Siamo, poi, a perfetta conoscenza dello stato delle finanze del nostro Comune, e del rimpallo di responsabilità tra questa amministrazione e le precedenti, tra cui la prima giunta Tenuta (anni 2000-2005), e siamo concordi con l’affermare che lo stato di dissesto, o come ama definirlo il nostro Sindaco, insieme a tutti i suoi collaboratori, “pre-dissesto”, (come se facesse differenza per il cittadino comune), sia il risultato di una serie di amministrazioni forse incontrollate, ma anche di mancati introiti (csd residui attivi) che non dovrebbero assolutamente pesare sulla popolazione già in sofferenza per la crisi che la opprime sempre più inesorabilmente.

Non vogliamo dilungarci ulteriormente in polemiche, bensì vogliamo confidare nella “buona fede” di questa amministrazione che in più di occasioni si è detta vicino alla cittadinanza. Noi, ribadiamo, non siamo evasori, semplicemente vogliamo pagare il giusto, in relazione alla propria capacità contributiva, come sancito anche nella nostra Costituzione, consci del fatto che le nostre tasse servono a far vivere e funzionare la nostra intera Città.

Le bollette “pazze” sono solo una parte del problema, infatti la situazione di crisi, lo sappiamo bene, non è ormai solo di tipo materiale ma anche e soprattutto di tipo psicologico. Affligge la nostra sempre più “povera” Città con conseguenze deleteree ed autodistruttive per il nostro territorio e di conseguenza per l’intera collettività, che piano piano, nostro malgrado, tenderà a divenire sempre più una “città fantasma”, incentivando l’esodo verso le più svariate destinazioni nazionali ed extranazionali.

In conclusione, noi vogliamo essere propositivi, vogliamo portare a conoscenza, non solo dell’amministrazione ma anche di chi legge, i problemi quotidiani che affliggono i diversi appartenenti della nostra società civile. Invitiamo tutti a battersi per un futuro migliore. Vogliamo che la nostra Città riacquisti in senso di comunità e di aiuto reciproco, dove nessuno deve rimanere indietro.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén